Corso di laurea magistrale a ciclo unico

GIURISPRUDENZA

REQUISITI E MODALITÀ DI ACCESSO

Requisito d'accesso è il possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o analogo titolo conseguito all'estero riconosciuto idoneo.
Sono richieste una buona padronanza della lingua italiana nonché conoscenze storiche e di cultura generale, tali da consentire l'accostamento al lessico disciplinare specifico (in particolare giuridico) e lo sviluppo di competenze logico-argomentative in ambito giuridico.
La preparazione iniziale richiesta per l'iscrizione al 1° anno sarà verificata tramite un test di verifica iniziale (TVI) obbligatorio. In esito a tale verifica, gli studenti che risultassero possedere un livello di conoscenze inferiore alla sufficienza saranno considerati in obbligo formativo, per il cui assolvimento gli stessi dovranno frequentare obbligatoriamente specifici "laboratori di base" organizzati dalla Facoltà.

È possibile accedere al percorso di laurea magistrale in Giurisprudenza anche con trasferimento dai Corsi di laurea triennale in Operatore giuridico d'impresa oppure (per gli studenti che ancora vi fossero iscritti) di Laurea specialistica in Giurisprudenza, previo colloquio durante il quale i docenti della Commissione preposta valuteranno gli esami già superati dallo studente, per evidenziare eventuali obblighi formativi.

Analogo colloquio è previsto per gli studenti già in possesso di laurea triennale in Operatore giuridico d'impresa o titolo equivalente e che intendono iscriversi al Corso di laurea magistrale quinquennale.

Immatricolazioni, verifiche e scadenze
Tasse e contributi